Notizie flash

Consultate la pagina Eventi per conoscere i prossimi appuntamenti del Club.

 facebook

Da "La Sicilia"...

Arezzo

Galleria immagini

Download

Home
Rotary Club Modica
Note di solidarietà PDF Stampa E-mail
Scritto da Orazio Licitra   
Sabato 18 Luglio 2015 13:01

Bell

PREVENDITA PRESSO

SCICLI

1) Farmacia Cartia - Via F.M.Penna, 85 - tel.0932.931746

2) Cartolibreria Edicola SAN PAOLO - Via Nazionale,16 - tel.0932.842003

3) MARESPORT - Via Ancona 35/37 - tel.0932.842237

DONNALUCATA

4) MARESPORT - Via Miccichè 108 - tel.0932.937760

MODICA

5) EURONICS Gruppo Bruno - (SS115 - Piazzale Bruno Polocommerciale)

6) FERRO HOTEL - (Modica Bassa) - Via Stazione s.n. - tel.0932.941043

MARINA DI MODICA

7) MARESPORT - C.so Mediterraneo - 0932.777336

RAGUSA

8) VITTORIO VENETO HOTEL - C.so Vittorio Veneto,93 - tel.0932.686119

9) GIRO DI VITE - C.so Vittorio Veneto, 100 - tel.0932.245943 - 334.1063687

MARINA DI RAGUSA

10) MARESPORT - Lungomare A.Doria,68 - tel.0932.239536

POZZALLO

11) MARESPORT - C.so Vittorio Veneto,19 - tel.0932.956398

 

Bell1

Ultimo aggiornamento Giovedì 29 Ottobre 2015 10:36
 
Consegnato defibrillatore alla Confraternita di Misericordia PDF Stampa E-mail
Scritto da Orazio Licitra   
Sabato 11 Luglio 2015 14:07

Come ultima attività nell'anno rotariano 2014/15, presso l'Hotel Principe d'Aragona, il Rotary Club di Modica, alla presenza del Sindaco, Ignazio Abbate, e dell'Assessore alla polizia urbana e alla sicurezza, Salvatore Lorefice, ha consegnato alla Confraternita di Misericordia operante nella città della Contea un defibrillatore automatico portatile (DAE) che completerà la dotazione dell'autombulanza della Misericordia con un presidio ritenuto assolutamente indispensabile per salvare le persone colpite da arresto cardiaco per fibrillazione ventricolare (causa in Italia di circa 60.000 decessi l'anno). Il presidente del Rotary, Orazio Licitra, ha fatto rilevare che proprio questa enorme valenza sociale del DAE ha convinto il Consiglio Direttivo del suo club ad orientare le magre risorse disponibili proprio verso l'acquisto di un defibrillatore tralasciando, pur a malincuore, le molteplici richieste -tutte meritorie della massima attenzione- provenienti dai più svariati settori della società (scuole, enti culturali, benefici, assistenziali, ecc.).

È intervenuto anche Antonio Borrometi, componente del C.D. del Club e grande fautore dell'iniziativa, per spiegare gli innumerevoli meriti che la Confraternita della Misericordia ha riscosso in città, conquistandosi la fiducia e la stima della cittadinanza grazie alla costante presenza sul campo sia per la gestione delle emergenze che per la prevenzione dei rischi in occasione di grandi manifestazioni pubbliche.

Il Dott. Angelo Gugliotta, medico della Confraternita, ha sottolineato che il DAE è un presidio sanitario salvavita che può essere facilmente utilizzato anche da personale non sanitario purché abbia seguito un semplice corso di formazione. Il suo utilizzo insieme alla pratica di BLS (manovra di massaggio cardiaco e respirazione artificiale) è in grado di salvare vite umane ed impedisce l'evoluzione di invalidità permanenti cerebrali. Ha ribadito, inoltre, che l'avere dotato la Confraternita del DAE in ambulanza o in auto medica garantisce una sicurezza maggiore per gli eventi anche di massiccio afflusso di folla che possono esserci in città. Il medico ha, anche, preannunciato che la Confraternita sta avviando l’apertura di una mensa sociale in grado di distribuire, almeno inizialmente, una colazione calda agli indigenti.

Proprio l’accenno a quest’ultima iniziativa ha dato l’occasione al Presidente del Rotary di preannunciare che anche il suo Club ha avviato già da tempo la richiesta a Trenitalia per ottenere in comodato d’uso gratuito i locali della stazione di Modica per potervi creare una mensa solidale da gestire insieme agli altri operatori sociali della città.

Da ultimo il Sindaco ha lodato il service del Rotary che, peraltro, dà all’ambulanza della Confraternita la possibilità di essere classificata come ambulanza di tipo ‘A’ (abilitata, quindi, anche per il soccorso oltreché per il trasporto), ha preannunciato che sta reperendo i fondi per dotare tutte le scuole di Modica di un DAE ed, infine, ricollegandosi alle iniziative riguardanti l’istituzione di mense solidali, ha comunicato che anche l’Amministrazione Comunale si sta muovendo per estendere le mense scolastiche anche ad utenza bisognosa appartenente fasce d’età diverse da quelle generalmente servite. Ha, infine, incoraggiato il Rotary a continuare ad espletare il ruolo di primaria importanza che ha svolto durante gli anni per la comunità del comprensorio in cui opera.

 

concorso

 
Concorso fotografico PDF Stampa E-mail

SCADENZA PROPROGATA AL 20 OTTOBRE 2015

Vai alla galleria dei selfie 

Locandina1

 1° Concorso Fotografico

“Il selfie col Barocco”

dei Club Rotary, Rotaract ed

Interact di Modica

Locandina1

 

 Il Rotary Club di Modica, insieme al Rotaract Club di Modica e all’Interact Club di Modica, indice il 1° Concorso fotografico dal tema:

“Il selfie col Barocco”

 

REGOLAMENTO

 

1. Il tema obbligato del Concorso è: “Il selfie col Barocco”. 

2. Il concorso sarà suddiviso in due categorie:

        A) Categoria Rotaract: età dei partecipanti compresa tra i 18 ed i 30 anni;

       B) Categoria Interact: età dei partecipanti compresa tra i 14 ed i 17 anni. 

3. Il concorso è aperto a tutti coloro che rientrano nei limiti d’età delle due categorie di cui al precedente articolo, purché non fotografi professionisti, ed ogni autore potrà parteciparvi con un massimo di una fotografia ed in relazione alla propria età rientrerà automaticamente nella specifica categoria. Le foto dovranno essere scattate esclusivamente a Modica o a Scicli. 

4. Non potranno partecipare al concorso Rotariani, Rotaractiani, Interactiani e loro diretti congiunti (ascendenti, discendenti e/o collaterali) appartenenti ai Club organizzatori. 

5. Le foto, sia a colori che in bianco e nero, con risoluzione compresa fra 1 e 5 megapixel, dovranno pervenire esclusivamente via email entro e non oltre il giorno 20/10/2015 al seguente indirizzo Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. . Ogni foto dovrà essere accompagnata dalla scheda di partecipazione allegata al presente regolamento compilata in ogni sua parte e dalla fotocopia del documento di riconoscimento in corso di validità del partecipante. Gli scatti non dovranno aver subito alcuna elaborazione in  post produzione (applicazione di filtri, di effetti, ecc.). Le immagini non conformi alle specifiche descritte non verranno esaminate. Le foto possono essere edite od inedite e non potranno essere ritirate una volta inviate. Il partecipante, candidando un’opera, dichiara e garantisce di possedere tutti i diritti sulla stessa, che l’opera non lede alcun diritto di terzi e non viola nessuna legge vigente, dichiara e garantisce, inoltre, di essere titolare di ogni diritto morale e patrimoniale d’autore.

6. I concorrenti dovranno, inoltre, postare le foto in formato ridotto (max 1,2 megapixel) sui profili Facebook dei Club Rotaract ed Interact di Modica, a seconda della categoria del concorrente, utilizzando l’hashtag #concorsoselfiebarocco @rotaractmodica @interactmodica. 

7. Ogni autore è responsabile di quanto forma oggetto delle opere presentate e salvo espresso divieto scritto, ne autorizza la eventuale pubblicazione gratuita, su catalogo, su TV locali e nazionali, riviste specializzate, CD/DVD e su Internet, da parte dell’Organizzazione o Enti Patrocinanti per attività senza finalità di lucro. 

8. La giuria di qualità sarà presieduta dalla regista modicana Alessia Scarso e composta dai Presidenti dei Club Rotary, Rotaract ed Interact, da due fotografi professionisti e da un fotoamatore. Per la valutazione delle opere pervenute avrà a disposizione 70 punti su 100. 

9. La giuria “popolare” sarà formata dagli utenti di Facebook che esprimeranno la loro preferenza su una o più immagini cliccando “mi piace” sulle foto prescelte. I partecipanti al Concorso potranno promuovere le proprie immagini attraverso i social media, tenendo conto che il calcolo dei voti verrà effettuato solo sulla base del numero dei “mi piace” acquisiti all’interno degli album “Il selfie con il barocco” predisposti negli account Facebook di Rotaract ed Interact. La votazione popolare verrà chiusa alle ore 20.00 del 21 OTTOBRE 2015. La giuria popolare avrà a disposizione 30 punti su 100: all’immagine più votata per ciascuna sezione verranno pertanto attribuiti 30 punti e, così via, alle altre verrà attribuito un punteggio proporzionale al numero dei “mi piace” registrati. L’organizzazione controllerà il corretto andamento del voto e si riserva, a suo insindacabile giudizio, di modificare, in caso di anomalie, i voti conteggiati e i punteggi eventualmente attribuiti.

10. Il comitato organizzatore, a suo insindacabile giudizio, potrà escludere opere candidate, considerate fuori tema o non conformi a quanto previsto nel presente regolamento. Potranno altresì essere esclusi gli autori che tenteranno di manipolare in maniera illecita il voto o che terranno un comportamento non consono ad una leale competizione o per qualsiasi altro motivo ritenuto valido. 

11. Le opere che supereranno il giudizio della giuria saranno pubblicate sul sito del Rotary Club Modica www.rotarymodica.it, su una sezione specifica del quotidiano online www.lagazzettaragusana.it e successivamente potranno essere esposte anche nelle sedi dei Comuni o di altri Enti che ne faranno richiesta. 

12. Gli autori premiati saranno avvisati in tempo utile a mezzo telefono o e-mail. 

13. Per ognuna delle due categorie sono previsti tre premi (non cumulabili):

  • 1° premio: Tablet Samsung Galaxy Tab 4, wifi, schermo da 10”;
  • 2° premio: due giorni in un centro benessere della Provincia per una persona;
  • 3° premio: ricarica telefonica da € 30,00.

14. Gli organizzatori, pur assicurando la massima cura del materiale ricevuto, declinano ogni responsabilità per eventuali furti, danni o smarrimenti generati da qualunque causa, escludendo qualsiasi rimborso per danno o altro. 

15. La firma (obbligatoria) sulla scheda di partecipazione ai sensi del D. Lgs 196/03 autorizza l’organizzazione al trattamento dei dati personali del concorrente e l’utilizzazione degli stessi per tutti gli adempimenti relativi al solo concorso fotografico “Il selfie col Barocco”. 

16. La partecipazione di minorenni è subordinata alla firma di consenso, nell’apposito spazio della scheda di iscrizione, da parte di un genitore o di chi ne fa le veci (di cui va allegata fotocopia del documento di riconoscimento in corso di validità).

17. La partecipazione al concorso implica la totale e incondizionata accettazione del presente regolamento.

 

 
In occasione del decennale di Pozzallo-Ispica PDF Stampa E-mail
Scritto da Orazio Licitra   

È arrivato il momento di festeggiare i primi dieci anni di attività del Rotary Club di Pozzallo-Ispica!

Un club che sento un po’ mio. Nacque, infatti, quale costola del sodalizio modicano durante l’anno di mia presidenza e fu, quindi, inevitabile che contribuissi, prima, alla gestazione e, poi, al parto di questo club che, da subito, mi accolse quale suo socio onorario. Di ciò sono orgoglioso, non solo per essere stato fra i protagonisti della sua nascita, ma anche per i tanti successi che in questi dieci anni hanno arriso ai presidenti succedutisi nella sua conduzione e ai soci che ne fanno parte.

Di questi successi riferiranno senz’altro i diretti protagonisti, mentre io mi soffermerò sulle vicende che portarono alla nascita del Club.

Correva l’anno del centenario: tutto il Rotary era percorso da un fremito di orgoglio per il prestigioso traguardo raggiunto e fiorivano mille iniziative per celebrarlo al meglio. Già da anni all’interno di ogni club si lavorava per il “progetto del Centenario”, per realizzare -cioè- qualcosa che testimoniasse nel tempo tanto il ruolo, ormai secolare, che il Rotary aveva svolto e che -ci si auspicava- avrebbe continuato a svolgere a livello planetario quanto il prestigio che, grazie alle infinite azioni di servizio locali ed internazionali, si era meritatamente conquistato.

In questo contesto maturò la nascita del club di Pozzallo-Ispica. Nell’ormai lontano settembre 2004, durante la sua visita amministrativa al Club di Modica, l’allora Governatore Ferdinando Testoni Blasco -sondando le reali possibilità di creare un nuovo sodalizio nell’area di pertinenza del Club di Modica (a quel tempo rappresentata dai comuni di Modica, Scicli, Ispica e Pozzallo)- individuò proprio nel territorio di queste due ultime cittadine un bacino che si prestava ad accogliere un nuovo Rotary. Da quel momento per me e per Nino Galfo -subito nominato da Testoni Blasco suo delegato per la nascita del nuovo club- finirono le tranquille prospettive con cui speravamo di svolgere e, possibilmente, concludere con serenità i rispettivi mandati ricevuti in seno all’organizzazione rotariana.

Le sue telefonate -garbatamente insistenti-, i suoi pressanti e stringenti discorsi ben presto ebbero ragione dei nostri iniziali tentennamenti, delle nostre timide opposizioni. Fu così che ci lanciammo a capofitto in un’avventura che sembrava destinata a misero fallimento. Ma la caparbietà di Nando, trovò in me -me lo si consenta- un ottimo epigono: più mi si diceva che non era possibile creare un Rotary a Pozzallo e nei suoi dintorni, più mi accanivo nella ricerca di nuovi adepti e nel dare supporto incondizionato all’opera indefessa di Nino Galfo, altrettanto caparbia, ma certo più saggia e ponderata della mia. Lentamente i risultati cominciarono a vedersi. Determinante l’incontro con Rino Galfo, con Giorgio Pisana, con Peppe Iemmolo e con gli altri primi entusiasti Rotariani di Pozzallo, grazie ai quali io, l’avvocato e il caro Francesco Arezzo di Trifiletti -che sempre ci accompagnava nei nostri primi incontri pozzallesi- iniziammo ad intravedere concretamente la possibilità di cogliere il nostro obiettivo. I due ‘Titta’ fecero il resto: mi riferisco a Titta Curto -che ci aprì gli orizzonti di Ispica- e a Titta Sallemi che, oltre a subentrare a Francesco nelle nostre trasferte pozzallesi e a sommergerci di preziosi consigli, coinvolgendo alcuni suoi amici ci permise di raggiungere il traguardo dei venti soci con cui si poté, intanto, placare Nando e, quindi, richiedere l’iscrizione del Club al Rotary International. Ricordo ancora perfettamente il momento in cui, dopo aver contato e ricontato i nomi degli aspiranti Rotariani di Pozzallo ed Ispica, diedi con non poca trepidazione il via libera a Peppe Iemmolo -provvisorio tesoriere- per effettuare il bonifico al Rotary International che suggellava l’inizio della nuova avventura.

Non fu facile, né tantomeno breve. Molte volte fummo vicini a gettare la spugna. Ma ora -a distanza di dieci anni- posso assicurarvi che ne valse la pena.

Mi piace, infatti, pensare che le fatiche compiute, le difficoltà affrontate, i giorni -e, talvolta, le notti- dedicati alla fondazione del Club di Pozzallo-Ispica siano state pienamente gratificate dai risultati ottenuti.

In primo luogo, il successo di aver insediato un Rotary in due cittadine di grandi potenzialità economiche (mi riferisco all’agricoltura ispicese e al commercio marittimo pozzallese), cui -purtroppo- negli ultimi anni si è aggiunta anche una grande emergenza sociale (i continui sbarchi delle centinaia di migranti che non danno tregua al comune rivierasco). In un simile contesto un Rotary è indispensabile! Infatti, come più volte mi è capitato di sottolineare, il Rotary deve svolgere fino in fondo il ruolo che gli è più congeniale, quello di penetrare nei gangli vitali della realtà economica, sociale e culturale in cui opera e -sfruttando le energie professionali, intellettuali e morali che coagula al suo interno- costituirne un motore propulsore che dovrebbe essere avvertito dalla comunità locale -appunto- come indispensabile. Pur sapendo che non sempre è così -che non sempre È FACILE che sia così-, ritengo tuttavia che questa sia la strada maestra che un Rotary DEVE percorrere con determinazione e con perseveranza. Ed è questa la strada che, modestamente ma con determinazione, indicai nel corso della cerimonia di consegna della Carta -non tanto al maestro di Rotary Nino Galfo che presiedette il club nel suo primo anno di vita- quanto ai neo amici Rotariani di Pozzallo ed Ispica.

Se ciò già non bastasse, a sconfessare ulteriormente -ove ancora ce ne fosse di bisogno- gli scettici di allora e, al contempo, a gratificare invece il gruppo di ‘chi ci credette’ sono le centinaia di attività che -in questi dieci anni di esistenza- il Club ha snocciolato senza mai tirarsi indietro nel servizio alla comunità locale, i fondi che con grande impegno ha raccolto, e con altrettanta generosità, ha elargito alla Rotary Foundation, il contributo che -in termini di idee, di uomini e di azioni- ha dato al Distretto 2110.

Infine, non posso non ricordare anche che il modesto contributo -dato da ciascuno dei protagonisti della nascita del Club- concorse a fruttare un importantissimo riconoscimento al Distretto 2110 che - grazie al numero di nuovi club che sorsero al suo interno- si fregiò per l’anno del centenario del titolo di distretto più prolifero dell’intera galassia rotariana.

Grazie, quindi, a quanti contribuirono alla buona riuscita dell’impresa ma grazie, soprattutto, al Governatore Emerito Ferdinando Testoni perché, individuando -prima- l’area sud-orientale della provincia quale possibile territorio di un nuovo Rotary e spronandoci -poi- nella faticosa opera necessaria alla coagulazione del gruppo iniziale, diede a queste due cittadine l’opportunità di avere un Rotary tutto loro.

 

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 Succ. > Fine >>

Pagina 2 di 4
him_banner3.gif
Copyright© 2014 Rotary Club Modica | Web Master Orazio Licitra | Template by Joomla Templates